COBI – progettato per rendere ogni bicicletta “smart”

Print Friendly

La startup tedesca iCradle, che ha debuttato sulla nota piattaforma di Crowdfunding  Kickstarter il 3 dicembre 2014 con il primo sistema ciclistico connesso e intelligente 2.0, ha annunciato di recente che il proprio prodotto andrà in produzione di massa!

Un’altra “success story” per un prodotto innovativo che sin dal primo momento ha catturato l’interesse proattivo (e pecuniario) di migliaia di appassionati, vediamo perché: Cobi Bike è un bundle composto da un supporto da fissare al manubrio un case per lo smartphone, un faro a LED, una luce per freni e frecce, un controller a 5 pulsanti retroilluminati, una batteria ricaricabile da 6.000 mAh e l’app omonima per iOS ed Android.

Tutto questo oltre a svariati sensori, LED di stato del sistema, uno speaker e protocolli di comunicazione Bluetooth Smart 4.1, ANT+, CAN e tutto quanto ci si può aspettare da un sistema per biciclette smart.

cobi-system-urbanbokeh-1440

L’elemento più interessante di COBI è senza dubbio il controller, che permette al cyber-ciclista di eseguire fino a 10 azioni senza toccare lo smartphone: sarà quindi libero di visualizzare il proprio percorso in tempo reale, di attivare frecce e luce posteriore senza dover accedere alla app, col rischio di sbagliare strada o di incidente per aver distolto lo sguardo dalla strada.

cobi-moment-urbanstylekit-1440_0

Rispondere al telefono, ricaricare lo smartphone, pianificare un percorso, richiedere le previsioni meteo, ascoltare la propria musica dall’altoparlante impermeabile o via Bluetooth, parcheggiare in sicurezza la bici, suonare il campanello, tutte azioni che un tempo necessitavano della nostra attenzione, oggi vengono gestite tramite il controller COBI sul manubrio o tramite omonima app.