Huawei MediaPad M3 – Bello e possibile

Print Friendly

Nell’asfittico panorama del segmento tablet Android abbiamo testato un apparato di terza generazione e le sorprese non sono mancate.

Nella consueta confezione di classe oltre al prodotto trova posto il caricatore veloce con cavo USB, spilla per estrazione dell’alloggiamento SIM e pellicola protettiva del display.

Scocca integrale in metallo (a parte la sezione fotocamere e antenne), tasti volume e accensione si trovano sullo stesso lato, esattamente come per la linea cellulari. Ottima ergonomia tendendo a contenere le dimensioni, notevole lo spessore ma i 322 gr di peso si fanno sentire anche quando lo si tiene con due mani. Sempre meno di molti tablet che vanno anche oltre i 500 gr.

Alle due estremità dei due lati corti sono posizionati gli altoparlanti Harman Kardon, convertitore digitale-analogico (DAC) HiFi AK Microdevices 4376 con risoluzione 24 bit 192 kHz.

Nella parte anteriore il tasto, non meccanico, per la rilevazione impronte, pratico per impartire anche altri comandi con tocco o sfioramento per il back page e multi finestra.

Cuore tecnologico

Proprio come nel phablet Mate 8 anche il MediaPad M3 è dotato di processore HiSilicon Kirin 950 Octa Core fino a 2,3 Ghz e unità grafica GU Mali T880. Questo SoC (acronimo di System-on-a-Chip) sfrutta 4 Gb di memoria RAM e 32 Gb (oppure versione da 64 Gb) di memoria interna.

A livello connettività nella versione in nostro possesso c’è lo slot per una nano SIM e velocità LTE sino a 300 Mbps, Bluetooth 4.1 e Wi-Fi (a/b/g/n/ac), GPS (GLONASS) mentre sono assenti radio FM e compatibilità NFC, o Near Field Communication che dir si voglia, ovvero la tecnologia a radiofrequenza che permette il dialogo tra due dispositivi a breve distanza.

Prova su strada

Superate le impostazioni di base abbiamo testato la resa e la sensazione è stata subito piacevole, sia in termini di velocità di risposta che qualità d’insieme. In particolare sorprendono lo schermo LCD IPS da 8.4 pollici con ottimo angolo di visuale, risoluzione nativa 2560 X 1600 pixel (densità paria 359 pixel per pollice), luminosità e gamma colori con predisposizione per tonalità più o meno intense. Lo schermo occupa circa l’82% della superficie.

Neri molto buoni ma in alcuni casi si potrebbe sentire la necessità di maggiore profondità. Filtro anti-blu, regolazione temperatura e livello saturazione cromatica. Si può cambiare dimensione ai caratteri, la densità del display e c’è la funzione ‘lettura’ per ridurre l’affaticamento della vista. A risoluzione video 2K il risultato è gradevole sino a 60 frame al secondo, qualche segno di cedimento nella fluidità se il video è 4K e comunque non si va oltre i 30 frame per secondo.

Stupore in seguito a intenso impiego: dopo un videogame, un film in HD, installazione di app e prove di ogni genere siamo rimasti colpiti dalla bassa temperatura di esercizio, non solo sul dorso in alluminio ma lo schermo stesso palesa minimo calore e un’altra nota distintiva dell’indice di ingegnerizzazione.

Meno bene il comparto foto e videocamera, fronte e retro. Entrambe da 8 Megapixel non fanno miracoli, lavorano egregiamente con luce intensa, bene per le video chiamate ma non si può pretendere molto di più.

Gli altoparlanti Harman Kardon lavorano molto bene: suono corposo che può raggiungere volumi importanti senza sentire la necessità di diffusori esterni.

Semplicità di utilizzo

Per il software è presente Android 6.0 aggiornato alla versione 4.1 della EMUI, ovvero la EmotionUI, personalizzazione Android di Huawei. Un’interfaccia non proprio così classica dove il multitasking è orizzontale, non c’è l’app drawer e non molte altre app cloni come accaduto con prodotti di altri brand. Avendo dimestichezza con un cellulare o phablet della stessa azienda tutto risulterà più facile in termini di comprensione e utilizzo ma anche i neofiti non dovrebbero soffrire incomprensioni di sorta. Utile la possibilità di aprire due app contemporaneamente, affiancandole.

Il browser preinstallato è Chrome, c’è il software per la gestione di video e musica mentre le telefonate sono possibili solo con cuffie (non a corredo) o in vivavoce.

Ottima l’autonomia della batteria da 5100 mAh che con un utilizzo anche pesante potrebbe comunque superare i 2 giorni con carica singola.

recommended-72dpi

Conclusioni

In definitiva un tablet poco adatto a chi pensasse a un utilizzo più squisitamente telefonico o sostitutivo di smartphone o phablet se non altro per le dimensioni. Ideale per lavoro, gaming di ultima generazione ma anche multimediale. Mediapad M3 sa come mettersi in bella mostra e accompagnarvi nel corso della giornata.

Scheda tecnica Huawei MediaPad M3 

  • Sistema operativo Google Android 6.0 Marshmallow / Emotion UI 4.1
  • Display LCD IPS 8.4 pollici
  • Risoluzione 2560 X 1600 pixel / 359 PPI / 400 nit / Sensore luminosità
  • RAM 4 GB LPDDR4 / 32-64 GB eMMC / microSD max 128 GB
  • Wi-Fi ac Dual Band / LTE Cat6 / Slot NanoSIM / Bluetooth 4.1
  • MicroUSB / Camere 8 + 8 megapixel / Funzionalità voce + SMS
  • GPS / A-GPS / Beidu / Glonass / Audio AK4376 24-bit 192 kHz
  • Batteria 5100 mAh / Dimensioni telaio 215 x 124 x 7.3 mm / Peso 322 grammi

 

Acquista Huawei MediaPad M3 qui:

fustAlternatetechmania