Huawei Nova – 5 pollici tuttofare

Print Friendly

Nel corso dell’ultima edizione della fiera berlinese dell’elettronica di consumo Huawei ha presentato due smartphone dedicati alla fascia media: Nova Plus e la sua versione ridotta di dimensioni Nova che abbiamo avuto l’opportunità di testare.

Più compatto e maneggevole del suo fratello maggiore Nova Plus, Nova nella confezione (che vede l’apparato inusualmente inserito lateralmente), contiene alimentatore 5V/2A, cavo USB-USB Tipo C e auricolari stereo. Batteria in dotazione da 3020 mAh in grado di sostenere il carico anche intenso di una giornata di lavoro riuscendo ad arrivare alla mezzanotte anche con il 30% di energia residua e la scelta più performante per il livello di prestazioni delle tre disponibili.

Riguardo il design Nova non ha più di tanto da spartire con Nova Plus, particolarmente compatto, sensazione di solidità tra le mani, scocca corpo unico in metallo un po scivolosa, sezione posteriore in vetro per la foto/videocamera e una in plastica in quella sottostante. Speaker unico posizionato nella parte bassa di discreta qualità quanto a potenza e resa dinamica. Sempre posteriormente si trova il lettore di impronte con veloce elaborazione e riconoscimento, tasto utile anche per scattare una foto oppure per aprire le notifiche. Presente anche il classico jack per la presa cuffie/microfono esterno.

 

Pressoché identica la parte hardware rispetto al Nova Plus con presenza del processore Snapdragon 625 octa core da 2 GHz, processore grafico Adreno 506 e 3 Gb di memoria RAM dedicata mentre sono 32 i Gb disponibili per spazio di archiviazione comunque espandibili tramite scheda microSD, slot che in alternativa può venire impiegato per inserire una seconda SIM telefonica in formato nano. Compatibilità Near Field Communication (NFC) che permette una connessione senza fili bidirezionale con altro apparato (entro un raggio in genere limitato ai 10 mt di distanza), Bluetooth 4.1 e led RGB per le notifiche. Performance del processore che si fanno vedere anche quando occorre maggiore impegno all’attivazione di videogame piuttosto impegnativi per grafica ed elaborazione dati. GPS che non tradisce le aspettative sia nella ricezione che nel riconoscimento della posizione anche se si è circondati da palazzi piuttosto alti che generano fastidiosa schermatura.

Molto buona la dotazione per quanto riguarda la foto/videocamera a risoluzione 12 Megapixel con led flash mentre quella frontale scende a 8 Megapixel, risoluzione massima dei filmati 4K. La qualità degli scatti non lascia a desiderare mantenendosi nella media anche in condizioni di scarsa luminosità con livello di rumore mediamente contenuto mentre purtroppo rispetto a Nova Plus è assente l’importante stabilizzatore ottico dell’immagine che avrebbe aiutato maggiormente nella realizzazione filmati. Il set di optional per gestione ed elaborazione degli scatti è quello tipico con alcuni filtri più che altro utili per l’autoscatto ma c’è anche il light painting.

 

Ampio display 5 pollici del tipo LCD a tecnologia IPS (In Plane Switching) che aumenta l’angolo di visuale con inferiore perdita di contrasto e luminosità, filtro per luce blu, risoluzione nativa Full HD 1920 x 1080 pixel. Sorprende nel complesso la gamma cromatica, la ricchezza e il livello di saturazione dei colori. Nel corso delle numerose prove ha lasciato in parte a desiderare il sensore del livello di luminosità, se lasciato impostato in automatico in più di un’occasione, al cambio di luce esterna, tende a rispondere in modo non rapido e in qualche raro caso confondendosi. I quattro pulsanti a schermo per i comandi base tra cui quello Home finiscono per coprire parzialmente lo schermo anche quando si è in visualizzazione immagini per esempio dalla galleria. Gestione multitasking a schede con scroll orizzontale nel caso in cui si desiderasse una diversa navigazione delle pagine. Interessante la possibilità di selezionare tre differenti temperature colore oppure di eseguire un settaggio più personale.

Il sistema operativo installato è Android versione Marshmallow 6.0 con personalizzazione Huawei tramite interfaccia EMUI 4.1 di cui segnaliamo la modalità semplificata per i neofiti, installazione temi alternativi con grafiche accattivanti e relativo download gratuito dal Web. Impostazione per utilizzo con una mano sola, si possono impartire comandi tramite le nocche oltre alla personalizzazione della barra inferiore del sistema. Più in generale risulta facile e immediata la navigazione all’interno delle app presenti così come il settaggio dell’apparato tra suonerie, sfondi, volumi di esecuzione o di notifica, lasciando la sensazione di avere sempre tutto sotto controllo in misura efficiente, buono il livello della vibrazione quando giunge una chiamata, qualcosa meno se la si imposta come feedback alla pressione della tastiera virtuale a schermo. Ricordiamo che il programma per la navigazione in rete scelto da Huawei è Chrome di Google.

Nel complesso il Nova ‘piccolo’ è uno smartphone flessibile e dalle caratteristiche anche sopra la media, capace di accompagnare l’utilizzatore a fine giornata senza problemi di autonomia. Fatta eccezione per l’incompatibilità Wi-Fi con la banda a 5 GHz e l’imprecisa luminosità automatica del display è pur sempre un apparato dotato di una qualità costruttiva garanzia di lunga durata nel tempo, la foto/videocamera è di livello e non dimentichiamo la possibilità, anche se a scapito dell’espansione di memoria, di aggiungere un’altra SIM con altro numero di telefono.