L’intelligenza artificiale si “ascolta” grazie ad Harman e LifeBEAM

Print Friendly

Scordatevi il passato. La fantascienza è ormai realtà. E a renderla possibile sono state Harman e LifeBEAM con le nuove cuffie Vi, le prime al mondo basate su intelligenza artificiale.
Oltre al design futuristico ma al tempo stesso raffinato e una qualità audio davvero a prova di audiofilo più esigente, quello che caratterizza questi nuovissimi prodotti, è la presenza di biosensori di livello aerospaziale in grado di consentire agli utenti di ascoltare gli aggiornamenti sui loro principali parametri vitali, tra cui la frequenza cardiaca e la sua variabilità, il movimento, l’elevazione e altre misure provenienti dall’ambiente circostante.
Allo stesso tempo, per mezzo della tecnologia audio di HARMAN, Vi è in grado di interpretare tutti i dati catturati dagli auricolari e fornire informazioni strategiche e interattive che possono aiutare a ottimizzare la perdita di peso, gestire i livelli di stanchezza, prevenire gli infortuni, e molto altro ancora.
“L’orecchio interno è l’organo di gran lunga più importante ai fini della registrazione del flusso di sangue e dell’attività cerebrale, ed è quindi il luogo più indicato per catturare in modo più accurato i dati biometrici”, ha spiegato Omri Yoffe, CEO e co-fondatore di LifeBEAM.
Vi è stato recentemente lanciato su Kickstarter, raggiungendo l’obiettivo di finanziamento pubblico in appena 30 minuti.