Non si fermano i rumors sul nuovo iPhone 7: intanto Apple Watch conquista il mercato degli smartwatch

Print Friendly

I rumors su come potrà essere il nuovo melafonino crescono di giorno in giorno e per quanto riguarda il nome si è quasi certi che si chiamerà iPhone 7 e che non uscirà prima della fine del 2016. Ad ogni modo, in questo momento gli smartphone di punta di Apple sono sicuramente iPhone 6s e iPhone 6s Plus, rilasciati lo scorso mese di settembre.

Il perché Apple abbia deciso – come all’epoca dell’iPhone 3GS – di affiancare la lettera “S” ai nomi di battesimo di alcuni degli smartphone dell’albero genealogico, è perché la lettera indica che quel modello di iPhone non riporta delle modifiche radicali, ma solo qualche “ritocco” rispetto al suo predecessore; non sarà il caso del nuovo iPhone 7 che, a quanto sembra, si suppone sia un iPhone davvero innovativo e che porterà con sé una ventata di aria fresca, come ha fatto ai tempi iPhone 4.
Il primo cambiamento evidente sarà chiaramente nell’estetica: iPhone 7, a differenza dei suoi quattro predecessori, potrebbe avere l’antenna sul retro che rimarrà visibile solamente in alto, senza la parte inferiore come in iPhone 6, il che definirà maggiormente il contorno del melafonino. Un’altra nota interessante riguarda i materiali sia della scocca che dello schermo che renderanno il telefono totalmente waterproof.
Altro argomento sensibile riguarda la fotocamera: probabilmente sul retro vedremo una fotocamera dotata di doppia lente – presente solamente sul modello Plus – da 12 Mpixel che renderebbe le immagini molto più nitide e con una qualità nettamente superiore grazie al sistema della “doppia lente” e alla tecnologia LinX Image. Questa novità offrirebbe numerosi vantaggi, come il fatto di ottenere delle immagini più chiare, con colori vivi e quasi privi di rumore che può fare la differenza in caso di scarsa illuminazione.
Per quanto concerne la batteria, è anch’esso un argomento che ha fatto molto discutere in rete, infatti si dice che sul prossimo modello mancherà l’ingresso Lightning, e che il metodo di ricarica avverrà in modalità wireless.
Ciò che forse verrà a mancare e che ha suscitato non poche proteste è l’eliminazione del jack per gli auricolari. Anche in questo caso, si opterebbe per una soluzione wireless, con auricolari che si collegano allo smartphone attraverso il sistema Bluetooth. Questo permetterebbe di avere uno spessore inferiore, che renderebbe il device sottile come l’iPod Touch.
Nonostante iPhone 7 non sia ancora uscito, si sentono voci di ogni tipo che arrivano addirittura a sfornare ipotesi sui futuri iPhone del 2018. Infatti sembra che Apple sia al lavoro per introdurre nei futuri modelli di iPhone, degli schrmi OLED flessibili e delle versioni più avanzate di schermi a cristalli liquidi sfruttando la tecnologia dei Micro-LED.

Nel frattempo continua il successo di Apple Watch che si conferma leader del mercato smartwatch con il 63% di prodotti distribuiti: una spinta tale da proiettare il mercato oltre quello degli orologi tradizionali.
Il mercato degli smartwatch sta crescendo molto rapidamente in Nord America, Europa Occidentale e Asia e il grande merito va proprio agli Apple Watch che detengono ormai più della metà del settore, seguiti subito dopo dalla concorrenza firmata Samsung, che rimane però ferma al 16%.
Questi dati di certo non aiutano però il settore degli orologi svizzeri tradizionali che sono ormai in calo del 5% su base annua. Anche se si registrano continue iniziative per modificare questa tendenza: una su tutte, quella di TAG Heuer, che ha lanciato la propria proposta di smartwatch, senza però tuttavia raccogliere i frutti sperati.
E una delle maggiori cause è proprio l’affermazione del settore degli smartwatch, dominato nettamente dal colosso di Cupertino, che nel frattempo però non si adagia sugli allori, ma guarda dritta verso il futuro: durante il prossimo mese di marzo, infatti, è prevista la presentazione della seconda generazione di Apple Watch.