Quick Charge 4: cinque ore di autonomia con cinque minuti di carica

Print Friendly

Qualcomm aggiorna Quick Charge alla versione 4.0. L’incubo del telefono scarico sarà un ricordo del passato.

 

Non riusciamo più a fare a meno dello smartphone. Un po’ perché, ammettiamolo, siamo dipendenti dalla tecnologia e non riusciamo a far passare pochi minuti senza controllare la posta, dare un’occhiata al profilo Facebook, cercare le news su Twitter. In parte anche perché ormai è parte integrante delle nostre necessità quotidiane. Usiamo un’app per chiamare un taxi, prenotare Uber, acquistare i biglietti del treno, fare la spesa e prenotare il ristorante.

Da un lato la nostra vita è stata estremamente semplificata, dall’altro viviamo nell’incubo della batteria scarica. Un telefono scarico non ci impedisce solo di fare telefonate, ma ci lascia perduti per l’assenza del navigatore satellitare al quale ormai ci affidiamo per tutto, ci impedisce di sbloccare l’auto noleggiata col Car Sharing, di accompagnare la nostra corsa quotidiana con un sottofondo musicale. Per quanto la tecnologia si sia evoluta e le batterie siano migliorate, far durare uno smartphone un’intera giornata senza ricarica è un’impresa praticamente impossibile.
Fortunatamente, da qualche tempo Qualcomm ha introdotto la tecnologia Quick Charge per caricare velocemente i cellulari e non costringerci ad attendere ore per staccare il telefono dalla presa di corrente e riprendere le nostre attività.

Oggi Qualcomm ha annunciato un’ulteriore passo avanti in questa direzione con Quick Charge 4. Cosa cambia? Che basteranno soli 5 minuti per garantirsi 5 ore di batteria. Praticamente il tempo di un caffè al bar. Se abbiamo un quarto d’ora a disposizione, invece, potremmo arrivare al 50% della ricarica.

 

snapdragon_quickcharge4_0-to-5-feature_1

 

Quick Charge 4 supporta i nuovi connettori USB Type-C e include nuove funzioni per estendere il ciclo di vita della batteria, preservandone la durata nel tempo anche di fronte a frequenti ma brevi ricariche. Non correte in negozio ad acquistare un nuovo smartphone, però: i nuovi chip saranno disponibili nella prima metà del 2017.