X-Men Apocalisse – Recensione Blu-ray 2D e 3D

Print Friendly

Nel pieno fulgore dell’impero egizio il primo mutante (Oscar Isaac) è tradito da chi ne disprezza la malvagità. Nel corso di un furioso scontro la sua potenza combinata con quella di fedeli discepoli ne evita la distruzione nonostante finisca seppellito sotto una gigantesca piramide.  Risvegliatosi dopo un lungo letargo nei primi anni ’80, scopre che il pianeta non è in mano alla sua stirpe, reclutando a tale scopo altri mutanti tra cui Magneto (Michael Fassbender), colmo di rabbia per la perdita della famiglia dopo avere tentato inutilmente di rifarsi una vita lontano da occhi indiscreti. Spetterà agli X-Men, al comando del giovane professor Xavier (James MacAvoy), affrontare l’orrenda minaccia che rischia di mettere in ginocchio l’umanità.

Il ritorno di Bryan Singer alla regia di “Giorni di un futuro passato” così come di questo “Apocalisse” si è rivelata la scelta vincente al fine di riportare in auge la saga degli X-Men dopo lo scivolone della discutibile sceneggiatura “Conflitto finale” e certo non è un caso se “Days Of Future Past” ha generato eventi che annullano quelli del film precedente.

 

“Apocalisse” è di fatto la naturale prosecuzione del penultimo capitolo, di nuovo in compagnia dei ‘giovani’ X-Men fatta eccezione per l’immortale Wolverine (Hugh Jackman). Forte dell’ultimo successo ai botteghini che ha sfiorato gli 800 milioni di dollari e segnando il più alto incasso di sempre per il franchise Marvel, Singer mantiene saldo il timone registico in un’opera che non ha mancato di sorprendermi anche se la sceneggiatura rimane comunque un gradino sotto la precedente. La lotta tra il bene e il male, il ritratto psicologico dei personaggi principali, il completamento di una serie di tasselli biografici mancanti scoprendo per esempio il motivo della calvizie di Xavier o assistendo al momento in cui si palesa la mutazione dello studente Ciclope (Ty Sheridan).

Da 20th Century Fox HE numerose edizion Home Video con DVD, Blu-ray 2D e 3D e Blu-ray UHD 4K. In particolare l’edizione bidimensionale 2K è già superlativa per risalto dei dettagli in primo e secondo piano indipendentemente dalle condizioni di luce, ampia gamma cromatica e profondità dei neri, ulteriormente coinvolgente e con maggiore senso di profondità di campo passando al Blu-ray specifico 3D che non manca di sorprendere in particolare nella seconda parte con il lungo e furibondo scontro tra gli X-Men e Apocalisse. Schermo panoramico con rapporto 2.40:1, codifica video AVC/MPEG-4, 1920 x 1080/23.97p.

Ottimo anche il comparto audio con italiano, francese e tedesco che beneficiano di codifica DTS (lossy) 5.1 canali che già così restituisce un’ampia immagine sonora, elementi dinamici e discreti con notevoli dialoghi dal canale centrale e roboanti passaggi del subwoofer. Su tutte c’è l’originale inglese che oltre ad avvantaggiarsi per la codifica ad alta risoluzione DTS-HD Master Audio offre ben 7.1 canali con resa da sala cinema.

Tanti extra, in inglese con sottotitoli, dedicati alla lavorazione: documentario di circa 64 minuti sulla produzione, commento al film del regista in compagnia dello sceneggiatore/produttore Simon Kinberg, 12 sequenze estese o eliminate dal montaggio finale con introduzione opzionale del regista, 8 minuti di errori sul set, due gallerie foto, tre trailer per il lancio del film.